sabato 29 dicembre 2012

Smartphone, Marketing, QR Code : cosa cambia


2012 : anno di svolta nel settore della telefonia mobile; da ricerche è emerso che questo anno per la prima volta, in Europa e negli Stati Uniti , la maggior parte degli utenti di telefonia mobile sono in possesso di uno smartphone e quindi con un collegamento ad internet.
Il dato rilevato ha profonde implicazioni: le amministrazione comunali più attente all’innovazione ed alla trasformazione del territorio locale in “smarcity” utilizzano già i codici QR ed altre neotecnologie quali AR , Nfc/ Rfid .
Alcuni articoli relativi ai Comuni d' Italia che già usano il codice QR sono raccolti in Twitter : @QRCODE_ITALY e in Scoop. it : QR CODE ITALY .
 
Turismo, Cultura, Arte, Musei, sono i settori in cui i codici sono maggiormente impiegati nei Comuni italiani. Vengono organizzati anche corsi di aggiornamento per informare anche gli addetti che operano nei predetti ambiti dei  nuovi sistemi di comunicazione,come segnalato nell'articolo del 3 dicembre 2012 a Ravenna : "Dalle Teche al Tablet".
Anche le imprese più sensibili a come si muove il mercato della comunicazione organizzano e pianificano programmi di marketing per un nuovo canale di vendita: quello dello smartphone che è diventato il mezzo più utilizzati nella nostra “vita digitale” a scapito del pc o del notebook.
I possessori di questo dispositivo vanno on-line tutti i giorni; l'85% degli utenti cercano informazioni locali e 1 su 5 esegue un acquisto dopo aver consultato l’informazione.
La tabella seguente evidenzia quali siano le tecniche/strategie maggiormente utilizzate dalle imprese per coinvolgere i propri clienti, secondo una ricerca condotta da Econsultancy .

Diversi fattori spiegano la rilevanza dei codici QR.
L’utilizzo del QR Code si sta sempre più dimostrando un valido strumento di marketing efficace, democratico, economico, immediato  se, ovviamente, utilizzato correttamente e sempre se, oltre al codice che è un solo uno strumento per la comunicazione, la diffusione, la condivisione  di informazioni, sia stata pianificata una ben determinata campagna pubblicitaria con particolare attenzione ai "contenuti".
Una ricerca condotta dalla Nellymoser evidenzia  che il tasso di risposta medio dell’utenza , a seguito dell’impiego dei QR Code è del 6,4%, contro solo il 4,4% per il Direct Mail e il 4,3% per i cataloghi.
A seguito di una specifica richiesta presentata da un lettore di queste pagine,  in merito all'utilizzo del QR Code, sono state fornite alcuni consigli che potrete leggere nella risposta del 4 dicembre 2012  in calce alla pagina APPLICAZIONI-DOWNLOAD.
 
Ancora dubbi sulla longevità del QR Code?
 
 
 

Nessun commento:

Posta un commento